.
Annunci online

  golfinrete [ Un punto di incontro per gli appassionati ed un contributo per diffondere la conoscenza di questo sport ]
         

Un blog dedicato al golf. Per incontrare degli amici, per scambiare opinioni e per cercare di diffondere la conoscenza di questo sport che in Italia è ancora poco diffuso ed è considerato un po' snob.


Pierfranco Ravotto
Questi i miei risultati migliori:

2000 - gara di Pitch & Putt al Circolo "Il Laghetto", Milano: 1° NC

2001 - Louisiana al Circolo "Il Laghetto": 1° netto

2003 - Circolo "Castello La Bastardina", Piacenza - 3° trofeo Gruppo Giglio": 1° NC

2004 - Circolo "Castello La Bastardina", IV Winners Cup, 2° netto - 2ª categoria

2006 - Circolo "Castello La Bastardina", Coppa del Consiglio e del Presidente, 1° seniores.

2007 - Circolo "Castello La Bastardina", Trofeo "Il borgo del golf", 1° seniores.

2007 - Circolo "Castello La Bastardina", Coppa del Consiglio e del Presidente, 1° seniores.

2008 - Circolo "Castello La Bastardina", Trofeo "Golf for Food per la FAO - 6 aprile", 1° seniores.


Exact handicap al 6 aprile 2008: 30,1
Exact handicap più basso raggiunto: 30,1


Google


31 dicembre 2007

Auguri di buon anno col botto


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fuochi artificiali buon anno

permalink | inviato da ravotto il 31/12/2007 alle 18:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



27 dicembre 2007

1. Il percorso

Il golf si gioca su un campo, course, costituito generalmente da 18 par.


Questo è il cartellone che mostra il percorso Executive (9 buche) di Ca' degli Ulivi, sul Garda.

Ogni par è costituito da
  • un'area di partenza detta tee,
  • da un percorso e
  • dall'area di arrivo, detta green, in cui vi è la buca, individuabile anche a distanza grazie alla presenza di una bandiera.


Al termine par viene sostituito spesso il termine buca: si parla così di "buca 1", "buca 2", ecc. per identificare i diversi par.


Il percorso, a volte delimitato da paletti di fuori limite, è suddiviso in un'area con erba rasata, il fairway e da un'area con erba un po' più alta, semi-rough, generalmente circondate da un'area in cui l'erba è incolta e spesso inframmezzata a piccoli cespugli, il vero e proprio rough. Lungo il percorso vi possono essere ostacoli d'acqua, laghi o ruscelli, e bunker (aree sabbiose) oltre che alberi e cespugli.

La lunghezza dei par è molto varia: si va da buche di poco più di 100 metri ad altre di 500 o 600 metri! Un percorso da 18 buche è generalmente di 5 o 6 chilometri (raccordi esclusi).

Ad ogni buca la distanza fra partenza e arrivo non è la stessa per tutti i giocatori. Le aree di partenza sono sempre almeno due, una - indicata in giallo - per gli uomini, una, corrispondente ad una minor distanza e indicata in rosso, per le donne.
A volte vi sono altre due partenze per il percorso championship: bianca per gli uomini, nera per le donne.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Avete correzioni da segnalare o proposte di ampliamento?




27 dicembre 2007

2. Accesso al campo

Non si può giocare a golf se non sugli appositi campi e, purtroppo, ci sono numerose restrizioni nell'accesso al campo tese a garantire la sicurezza di tutti i giocatori ed un gioco ordinato (nel golf, a differenza che nel calcio o nel tennis, nella pallacanestro, nel bowling, ... i diversi team condividono lo stesso campo: quindi occorre garantire che un team non crei nè pericoli nè ostacoli ad un altro).

Per andare in campo occorre:
  • essere tesserati alla Federazione Italiana Golf (FIG o FederGolf) con connessa assicurazione contro incidenti e infortuni (vedi). 
  • essere "abilitati" a farlo.
Tesseramento
Ci si può tesserare
  • iscrivendosi ad un circolo o ad un campo pratica (vedi sotto),
  • direttamente alla FederGolf al prezzo di € 60 (€ 22 per i minorenni), ma purtroppo solo per il primo anno ( vedi ).

Abilitazione ed acquisizione dell'handicap
Ecco le norme, valide dal 1° gennaio 2007, per il passaggio da NA, giocatore non abilitato, a NC, giocatore non classificato.

NA Giocatore non abilitato
Giocatore tesserato ma non ancora abilitato a recarsi in campo (a meno che sia accompagnato da un maestro).



L'abilitazione ad andare in campo da solo, carta verde o attestazione di idoneità di accesso al campo"", viene rilasciata da un "maestro di golf o dal Comitato del Circolo. Essa garantisce che il giocatore sa stare in campo senza costituire pericolo od ostacolo per gli altri giocatori e senza  danneggiare il campo di gioco.

GA Giocatore abilitato
Giocatore abilitato a recarsi in campo (in possesso, cioè, della carta verde) ma non ancora a prendere parte alle gare aperte ai NC.



Per poter prendere parte alle gare per i NC, e dunque per puntare a prendere l'handicap, il giocatore deve dimostrare di conoscere le regole del golf.
Dovrà pertanto frequentare un corso sulle regole e poi superare un apposito esame.
NC Giocatore non classificato
Giocatore autorizzato a prender parte alle gare aperte ai NC.



Per ottenere l'handicap di gioco il giocatore NC dovrà concludere una gara con un punteggio minimo che varia a seconda del campo.


Circoli e campi pratica
L'iscrizione annuale ad un circolo di golf o ad un campo pratica permette
  • l'accesso al campo pratica (ma generalmente si dovranno pagare le "palline" con cui esercitarsi),
  • la frequenza ai corsi sulle regole,
  • l'accesso al campo (per gli abilitati),
  • la partecipazione alle gare (per i NC e per i classificati) con un costo di iscrizione alla gara.
I costi variano in modo notevole da un campo ad un altro.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Avete correzioni da segnalare o proposte di ampliamento?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. handicap na nc ga abilitazione carta verde

permalink | inviato da ravotto il 27/12/2007 alle 17:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



24 dicembre 2007

Auguri


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. auguri Buon Natale Buon anno

permalink | inviato da ravotto il 24/12/2007 alle 14:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



16 dicembre 2007

Sette buone ragioni

Trovo su slideshare la seguente presentazione:


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. buone ragioni

permalink | inviato da ravotto il 16/12/2007 alle 22:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



16 dicembre 2007

Non esiste nessuna valida spiegazione ...

Pur essendo un palcoscenico senza limiti per osservare la natura umana in azione, non esiste nessuna valida spiegazione al fascino esercitato dal golf. In modo evidente quanto misterioso, esso offre ai suoi appassionati un godimento intenso, assiduo e completo, sconosciuto a qualsiasi altra forma di ricreazione.
Forse si tratta, come ebbe a dire una volta Andrew Carnegie, di un "complemento indispensabile alla civiltà superiore". O forse non è altro che il più bel gioco mai inventato dall'uomo.

(Herbert Warren Wind, da "The complete golfer"
Tratto da "Golf. Quadri, parole e pensieri" EDICART)




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Il più bel gioco Warren Wind

permalink | inviato da ravotto il 16/12/2007 alle 19:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



16 dicembre 2007

4. Come si gioca

Un campo da golf è costituito generalmente da 18 buche, da giocare una dopo l'altra nell'ordine. In gara un giocatore gira il percorso in un team generalmente di 4 persone. Fuori gara può girare da solo, oppure con 1, 2 o 3 compagni (un team non può superare, per questione di tempi di gioco le 4 persone).
L'orario di partenza, assegnato dal Comitato nelle gare, fuori gara deve generalmente essere prenotato in segreteria.

All'orario previsto il team deve recarsi sul tee della buca 1, aspettare che il team precedente sia fuori portata, quindi ogni giocatore, dopo averla "dichiarata",  deve giocare la propria palla.
Giocano prima gli uomini, poi le donne che hanno la partenza un po' più avanti.
A questo punto tutti i giocatori del team si spostano in avanti fino a raggiungere l'altezza della palla più vicina, aspettano che il proprietario della palla la giochi, poi si spostano fino all'altezza della palla successiva. E così via.
Ovviamente si devono contare i colpi fatti. Può succedere che un giocatore debba tirare, dopo il secondo un terzo, un quarto, ... colpo prima che un altro membro del team giochi il suo secondo colpo: ad evitare di colpirsi, deve sempre giocare prima chi ha la palla più lontana dalla bandiera!
  • Se una palla finisce fuori limite chi l'ha giocata deve giocarne un'altra, con penalità, dalla stessa posizione.
  • Se una palla finisce in terreno in riparazione, il giocatore può dropparla, senza penalità entro un bastone dal punto più vicino a dove è finita la palla che permette di "ovviare all'interferenza".
  • Se una palla finisce in ostacolo d'acqua il giocatore può, giocarla dall'ostacolo (secondo le apposite regole), dropparla con penalità fuori dell'ostacolo (in uno dei modi previsti dalle regole), oppure giocarne un'altra, con penalità, da dove ha giocato quella finita in ostacolo.
  • Se una palla finisce in bunker si dovrà giocarla da lì con le apposite regole, oppure decidere di giocarne un'altra - con un colpo di penalità - dal punto in cui si è giocata quella finita in bunker.
  • Se una palla, o il movimento del giocatore per tirarla, sono ostacolati da un'ostruzione artificiale, da un impedimento sciolto, da una condizione anormale del terreno quali una buca o acqua occasionale, si devono consultare le regole per individuare se e come si può ovviare ad un tale "disturbo" senza penalità.
  • Un giocatore può sempre, a suo insindacabile giudizio, dichiarare una palla ingiocabile nella posizione in cui si trova. In tal caso, con un colpo di penalità, può ritirarla dal punto in cui la si era giocata o dropparla, secondo le regole, dal punto in cui si trova.
  • Se un giocatore non trova la palla, può cercarla per 5 minuti, poi deve dichiararla palla persa e tornare a giocarne un'altra, con un colpo di penalità, da dove l'aveva giocata.
  • Ad evitare rallentamenti nel gioco, se un giocatore teme di non riuscire a trovare la palla (per esempio perchè vede che è finita in erba alta o nel bosco) o se teme che sia finita fuori limite, allora gioca una palla provvisoria fino al punto in cui ha giocato la palla precedente. Qui giunto, se la trova e la palla non è fuori limite, riprende a giocarla senza tener conto dei colpi tirati con la provvisoria, altrimenti continua a giocare quella - che diventa la palla in gioco - sommando i colpi tirati con la palla precedente, quelli con la provvisoria più un punto di penalità.
Quando tutte le palle del team sono sul green, si leva l'asta della bandiera e si prosegue il gioco - in base alle regole del gioco in green - sempre tirando prima la palla più lontana dalla bandiera. Dal momento che, in green, colpire con la propria un'altra palla comporta una penalità, si marcano le palle e le si sollevano, a meno che siano in posizioni tali da non poter essere urtate.

Quando tutti i giocatori del team hanno imbucato devono
  • rimettere a posto la bandiera,
  • riparare eventuali buchi fatti dalla palla cadendo in green (pitch mark),
  • allontanarsi rapidamente dal gree in modo da permettere il tiro del team che segue,
  • segnare sullo score il numero di colpi totali - comprensivi di eventuali penalità - fatti da ogni giocatore,
  • spostarsi rapidamente sul tee successivo.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Avete correzioni da segnalare o proposte di ampliamento?




8 dicembre 2007

Not exactly Tiger Woods. But ...



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. video

permalink | inviato da ravotto il 8/12/2007 alle 23:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



8 dicembre 2007

5. Dal tee di partenza

Il primo colpo di ogni buca viene tirato dai tee di partenza (o area di partenza).
Il tee è un'area appositamente rasata e livellata, spesso un po' elevata rispetto al terreno circostante.
Il tee degli uomini è contraddistinto da indicatori gialli, quello delle donne, sempre un po' più avanti, da indicatori rossi.




L'area in cui disporre la palla è rettangolare: delimitata frontalmentee lateralmente dai due indicatori si estende dietro di essi per lalunghezza di due bastoni.


I cerchi gialli indicano i contrassegni di partenza, la freccia indica la direzione in cui si trova il green. La linea tratteggiata evidenzia l'area in cui va piazzata la palla.
Il giocatore può prendere posizione con i piedi fuori dall'area, ma non può spostare gli indicatori.

A differenza del resto del percorso, in cui la palla è a terra, sull'area di partenza essa può essere collocata su un supporto, anch'esso detto tee .

Spesso sul tee di partenza si gioca il drive , che è il legno che consente la maggior distanza.


Ecco un drive tirato da Tiger Woods


Tradizione vuole che se, giocando dal tee, un giocatore non supera il tee delle donne debba pagare da bere a tutto il team.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Avete correzioni da segnalare o proposte di ampliamento?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tee area di partenza tiger woods drive

permalink | inviato da ravotto il 8/12/2007 alle 21:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



5 dicembre 2007

6. In fairway e in rough

Il fairway è la zona rasata del percorso, il rough la zona con erba più alta. Il vantaggio di avere la palla in fairway piuttosto che in rough sta in una maggiore facilità di gioco, ma dal punto di vista delle regole non vi è differenza, a meno che una regola "locale" consenta, quando si è in fairway di "piazzare" la palla, ovvero di spostarla leggermente rispetto al punto in cui si trova, sistemandola in modo più vantaggioso rispetto alle possibili asperità del terreno.

Salvo una tale regola locale, sia in la palla va giocata così come si trova fatte salve le seguenti indicazioni:
  • Se la palla si trova in condizioni anormali del terreno - acqua occasionale, terreno in riparazione, buca fatta da un animale scavatore o da un rettile o da un uccello - o se tali condizioni interferiscono con la posizione dei piedi nell'address, si può droppare, senza penalità, entro un bastone dal punto più vicino che permette di ovviare all'interferenza (ma non più vicino alla buca).
  • Se nelle vicinanze della palla vi sono impedimenti sciolti (naturali), quali foglie, rami, sassi, ... esse possono essere rimosse senza penalità; qualora però, nel rimuoverle, la palla si sposti si incorre in un colpo di penalità ed occorre risistemare la palla nella posizione originale.
  • Se nelle vicinanze della palla vi sono ostruzioni artificiali movibili, quali un rastrello, attrezzi di lavoro di chi fa la manutenzione del campo, una carriola, la gomma per innaffiare, una lattina, ... esse possono essere rimosse senza penalità. Qualora nel farlo la palla si sposti dovrà essere risistemata nella posizione originale ma senza penalità.
  • Se la palla si trova dentro o sopra un'ostruzione artificiale movibile, per esempio in una carriola, si può alzarla, senza penalità per spostare l'ostruzione e si dovrà poi dropparla in corrispondenza della posizione originaria.
  • Se la palla si trova nelle vicinanze di un'ostruzione artificiale inamovibile, per esempio un trattore o un impianto di irrigazione, che impedisce il movimento per il tiro o impedisce di addressarsi per il tiro, o sopra l'ostruzione stessa, per esempio un tombino o una strada, allora è possibile droppare, senza penalità, la palla entro un bastone dal punto in cui si evita l'interferenza (ma non più vicino alla buca). Se invece l'ostruzione artificiale inamovibile non ostacola nè i piedi nè il movimento, ma costituisce ostacolo rispetto alla direzione in cui si vorrebbe effettuare il tiro non può essere considerata interferenza (e quindi si deve giocare la palla così com'è o dichiararla ingiocabile).
 Palla sul sentiero.
Il sentiero è  un'ostruzione artificiale inamovibile.
La palla può essere droppata, senza penalità,  entro un bastone dal punto più vicino che permette di ovviare l'interferenza (ma non più vicino alla buca).

 Palla sul tombino.
Il tombino è  un'ostruzione artificiale inamovibile.
La palla può essere droppata entro un bastone dal punto più vicino
che permette di ovviare l'interferenza (ma non più vicino alla buca).


  • Se ad impedire l'address o il movimento di tiro è un albero o un cespuglio o un fosso, oppure se un albero o un'ostruzione artificiale inamovibile bloccano la direzione in cui si vuole tirare, o se la palla è in una buca non causata da un animale scavatore, o se si trova in un cespuglio, ... il giocatore può dichiarare la palla ingiocabile. In questo caso può, con un colpo di penalità
    • tirare nuovamente dalla posizione precedente,
    • droppare entro due bastoni dal punto in cui la palla si trova (ma non più vicino alla buca),
    • droppare dietro tale punto lungo la linea che congiunge tale punto alla bandiera (indietro quanto vuole).
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Avete correzioni da segnalare o proposte di ampliamento?




3 dicembre 2007

7. In ostacolo d'acqua

Spesso fanno parte del percorso laghetti e ruscelli: sono i cosiddetti ostacoli d'acqua.
Un ostacolo d'acqua è delimitato da paletti gialli o da paletti rossi o, eventualmente, da linee gialle o rosse tracciate sul terreno (può anche capitare che tali paletti delimitino una zona in cui non c'è acqua, magari perchè si tratta di un laghetto asciutto in quel periodo: in ogni caso andrà considerata ostacolo d'acqua).




I paletti gialli indicano un ostacolo d'acqua frontale    
I paletti rossi indicano un ostacolo d'acqua laterale


Una palla è in ostacolo d'acqua quando giace dentro l'area delimitata dai paletti o semplicemente ne tocca il confine.

Se una palla si trova in ostacolo d'acqua si può:
  1. giocarla da dove si trova (ammesso che sia fisicamente possibile),
  2. giocare, con un punto di penalità, un'altra palla da dove si è giocata quella andata in acqua,
  3. droppare una palla fuori dall'ostacolo (secondo le regole indicate più sotto) con un punto di penalità
Se si sceglie di giocare la palla dall'ostacolo non si può
  • alzarla e pulirla (nemmeno se è tutta coperta di fango),
  • rimuovere o spostare qualsiasi ostruzione presente (foglie, sassi, rami, ...),
  • effettuare movimenti di prova.

Se si intende droppare (con penalità) una palla che si trova in ostacolo d'acqua frontale lo si può fare in due modi:
  • entro due bastoni dal punto in cui è entrata in acqua ma non più vicino alla buca,
  • lungo la linea che congiunge la buca con il punto in cui la palla è entrata nell'ostacolo, indietro quanto si vuole rispetto all'ostacolo.
Se si intende droppare (con penalità) una palla che si trova in ostacolo d'acqua laterale lo si può fare in due modi:
  • entro due bastoni dal punto in cui è entrata in acqua ma non più vicino alla buca,
  • entro due bastoni da un punto del margine opposto dell'ostacolo d'acqua che sia equidistante dalla buca (ma non più vicino alla buca).
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Avete correzioni da segnalare o proposte di ampliamento?



sfoglia     novembre        gennaio
 
Blog letto 1 volte dal 20 ottobre 2007







Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Add to Technorati Favorites

© Potete usare, distribuire e modificare i post di questo blog a patto di citare l'autore originario e di lasciare la stessa libertà sui prodotti derivati.


Dal 2 aprile 2008

Locations of visitors to this page
Dal 23 giugno 2008

Conosci una barzelletta carina sul golf?
Mandamela e la pubblicherò (indicando il tuo nominativo)